Chiamate da 27 Paesi

e riunite in una Famiglia religiosa

al servizio della Chiesa missionaria

L’obbiettivo della mia vita

e della Congregazione

alla quale appartengo

è far conoscere le missioni

e, se possibile

radicarle in ogni cuore

con gli aiuti

raggiungiamo TANTI

con il cuore

e la preghiera - TUTTI

Home 2017-09-11T14:52:27+00:00

«Schiavo degli schiavi»

San Pietro Claver (1581 – 1654) è il missionario infaticabile, che si è definito «schiavo degli chiavi». Egli accende con la fiamma del suo slancio apostolico l’animo di Maria Teresa Ledóchowska, che lo sceglie come maestro spirituale e patrono e pone la Congregazione sotto il suo nome e la sua testimonianza.

«Ha annientato se stesso per annunciare Gesù Cristo»

«Oggi ricorre la memoria di san Pietro Claver, un missionario: è andato lontano ad annunciare il Vangelo. Forse lui pensava che il suo futuro sarebbe stato predicare: nel suo futuro il Signore gli ha chiesto di essere vicino, accanto agli scartati di quel tempo, agli schiavi, ai negri, che arrivavano lì, dall’Africa, per essere venduti». E quest’uomo «non ha fatto la passeggiata dicendo che evangelizzava; non ha ridotto l’evangelizzazione a un funzionalismo e neppure a un proselitismo». San Pietro Claver «ha annunciato Gesù Cristo con i gesti, parlando agli schiavi, vivendo con loro, vivendo come loro». E «come lui nella Chiesa ce ne sono tanti che annientano se stessi per annunciare Gesù Cristo».

Papa Francesco, Omelia a Santa Marta, 9 settembre 2016

Fondatrice

«Voglio fare qualcosa di grande per Dio»

Maria Teresa Ledóchowska nasce in Austria nel 1863 da padre polacco e madre svizzera. Nobile di spirito e di sangue, viene educata nello spirito di fede e nella gioia di una famiglia numerosa. È sicura di sé, esuberante e raffinata. Ha talento letterario.

A 22 anni, diviene dama di corte dell’arciduchessa Alice di Toscana, in esilio in Austria. Per più di cinque anni è imprigionata nell’etichetta del gran mondo. Ma, seguendo il piano di Dio che si manifesta poco a poco negli avvenimenti, matura nel cuore la sua scelta di dedicarsi a sollevare le miserie del mondo africano.

Prende la sua grande decisione quando nel 1889, incontra il Cardinale Lavigerie, che percorre l’Europa per denunciare lo scandalo della tratta degli schiavi, in Africa e in altre parti del mondo.

Lanciata nell’avventura della Pentecoste, andate! interessa la gente, scrive e organizza aiuti per i missionari.

Pur restando in Europa, il suo impegno è: non vivere che per le missioni… Nel 1894 fonda la Congregazione delle Suore Missionarie di San Pietro Claver.

Notizie dalle nostre comunità

In pellegrinaggio con i profughi e i migranti

2 settembre 2017|0 Comments

Domenica mattina, il 27 agosto, ci siamo avviati in pullman con i 54 migranti e profughi di vari Continenti verso il santuario di Monte Berico in provincia di Vicenza. Il pellegrinaggio è stato organizzato [...]

La visita della Madonna Aparecida

31 maggio 2017|0 Comments

La Madre di Gesù, quando è apparsa nei diversi paesi e in importanti momenti storici dell’umanità, ha sempre portato un messaggio di speranza. Grazie alla provvidenza e alla misericordia divina, Maria è apparsa anche [...]

Vocazione, un dono in crescita

12 febbraio 2017|0 Comments

Il 2 febbraio 2016, nella casa generalizia in Roma delle Suore Missionarie di San Pietro Claver, le sorelle della comunità, i familiari e gli amici hanno partecipato alla Prima Professione religiosa delle novizie Maria [...]